Può una sfida cambiare il mondo? Sì, se coinvolge l’intera comunità globale in concrete azioni di sostenibilità. La posta in gioco è la preservazione della biosfera così come la conosciamo. In occasione dell’Ora della Terra, la più grande mobilitazione globale contro il cambiamento climatico che torna sabato 23 marzo dopo aver coinvolto l’anno scorso oltre 2 miliardi di persone in 7000 città e 152 Paesi, il WWF lancia anche in Italia “I will if you will, Io farò se tu farai”, una piattaforma globale che incoraggia cittadini comuni, celebrità ma anche istituzioni e imprese a sfidare il mondo a intraprendere azioni sostenibili e ridurre la propria impronta sul pianeta.

Inizia da questa proposta di azioni concrete per la sostenibilità la maratona di avvicinamento all’Ora della Terra, che tra una settimana coinvolgerà i cittadini di tutto il mondo in una fitta serie di iniziative speciali per sottolineare l’urgenza di cambiare strada. È infatti ormai chiaro che il cambiamento climatico – una delle più gravi crisi globali che il mondo si trova ad affrontare – minaccia sempre più gravemente gli ecosistemi, le specie animali e vegetali ed il benessere delle popolazioni. Ed è dovuto principalmente alle attività umane, con emissioni globali di gas serra in costante aumento e la concentrazione di CO2 nell’atmosfera ormai giunta alla cifra record di 395 parti per milione. Un allarme oggi condiviso non solo dagli ambientalisti ma anche da autorevoli scienziati e organismi internazionali come la Banca Mondiale, l’Agenzia Internazionale per l’Energia, il World Economic Forum e non ultimo il presidente americano Barack Obama, che ha posto la lotta al riscaldamento globale tra le priorità del suo secondo mandato.

“Il cambiamento climatico incalza più rapidamente di quanto gli scienziati avessero previsto e le azioni dei Governi sono troppo lente per fermare un rischio che mette a repentaglio la Natura e la stessa civiltà umana – ha detto Mariagrazia Midulla, responsabile Clima e Energia del WWF Italia – Earth Hour è un’occasione unica per dare voce e mobilitare l’intera comunità globale, perché tutti facciano la propria parte e per pretendere che i Governi assumano la crisi del clima come priorità assoluta, prima che sia troppo tardi. Dobbiamo passare a un Mondo Nuovo decarbonizzato, basato su risparmio, efficienza e rinnovabili. Cittadini, città, imprese ne saranno parte attiva e la loro voce potrà spostare la politica mondiale. Con migliaia di sfide lanciate da ogni continente, diamo l’esempio di come si possa agire, in concreto e ogni giorno, per dare un futuro alla vita sul pianeta”.

Per stimolare la transizione verso un futuro più sostenibile attraverso un espediente divertente e partecipato, il WWF ha ideato la piattaforma “I will if you will, Io farò se tu farai” che l’anno scorso ha lanciato circa 10.000 sfide di sostenibilità coinvolgendo più di 4,6 milioni di persone. In Italia a tagliare il nastro delle sfide – che interessano i tre grandi ambiti dell’energia, della mobilità e dell’alimentazione sostenibili – sono i comici Lillo&Greg che hanno promesso di esibirsi in esilaranti performance teatrali se i fan accetteranno la loro sfida, mentre tra le prime arrivate dai cittadini ci sono i climbers che scaleranno le falesie di Sperlonga se 500 persone andranno al lavoro con i mezzi pubblici, i surfisti di Way4Sport che puliranno la spiaggia se 100 condivideranno l’auto per andare a fare surf, il garden designer che darà consulenze gratuite via Skype se 1000 persone coltiveranno un orto urbano, gli studenti AIESEC che organizzeranno un flash mob canoro se 100 persone andranno in bici al lavoro. Ma è solo l’inizio: per lanciare la propria sfida o accettare una delle sfide 2013 promosse in tutto il mondo basta andare su

www.wwf.it/oradellaterra.

Contestualmente, fervono i preparativi per l’evento pubblico internazionale Earth Hour, che il WWF Terra d’Otranto, a seguito dell’adesione del Comune di Maglie, celebrerà con lo spegnimento dell’illuminazione di piazza Aldo Moro, ove sarà presente anche uno stand informativo dell’Associazione per illustrare il senso dell’iniziativa ai cittadini magliesi.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

5 × 3 =