laurea cappelloHa preso in giro praticamente tutti: professori universitari, segretari, amici e conoscenti. Persino i suoi genitori, orgogliosi di quel figlio riuscito a completare gli studi e conseguire la laurea in Psicologia, presso l’Università di Padova. Un orgoglio svanito all’improvviso,quando il figlio è stato denunciato per falso proprio per quella laurea. Il motivo? Non aveva sostenuto neppure un esame ma, scaricando la documentazione su internet, era riuscito a convincere la commissione a consentirgli di esporre la tesi per la laurea triennale.

La vicenda risale al settembre 2011 quando lo ”studente”, un ragazzo leccese di 28 anni, aveva illustrato una tesi dal titolo “Simboli religiosi e il loro effetto sul senso di inclusione o esclusione nei bambini cattolici e musulmani”. Solo qualche mese più tardi gli uffici si sono accorti che la documentazione presentata dallo “studente” era incompleta, del tutto irregolare e falsa.

Sorprende, e non poco, come gli uffici competenti siano riusciti a farsi gabbare in questo modo dal 28enne che, seppur non laureato, ha certamente dimostrato di avere creatività e faccia tosta.

Adesso, oltre a dovere fare i conti con la giustizia, dovrà farli anche a casa, dove lo attendono i genitori che, di certo, esigeranno delle spiegazioni.

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

venti − 11 =