slide-scomparsiDi F.O.

Proseguono a spron battuto le indagini dei carabinieri della Compagnia di Campi Salentina per ritrovare i due scomparsi, Luca Greco e Massimiliano Marino, rispettivamente di 38 e 34 anni, entrambi originari di Squinzano. I militari, guidati dal capitano Nicola Fasciano, nelle scorse ore hanno proseguito con gli interrogatori ascoltando i due fratellastri di Greco per meglio puntellare le ultime ore in cui il loro stretto parente è stato ancora visto in giro. Insieme a loro, gli investigatori, coordinati dal sostituto procuratore Giuseppe Capoccia, hanno anche ascoltato, per l’ennesima volta, la moglie di Greco, che, quotidianamente, raggiunge gli uffici della caserma per confrontarsi con i carabinieri e cercare insieme un particolare che possa incanalare le ricerche sul fronte giusto. Sempre nelle scorse ore, poi, è stato anche ri-ascoltato il padre di Marino. In ogni caso, almeno per il momento, la soluzione del giallo rimane ancora lontana. Ad ostacolare il lavoro degli investigatori c’è anche lo spessore criminale di poco conto annoverato dai due che sarebbero sempre rimasti ai margini nelle ultime azioni criminali compiute nel Nord Salento, in particolare a Squinzano, dove si è riaperta una strategia del terrore fra opposte fazioni. Gli investigatori, infatti, hanno difficoltà a collocare Greco e Marino in qualche gruppo ben organizzato ed in tal modo risulta complicato comprendere chi potesse avere qualche conto in sospeso con i due. Ecco perché le indagini non tralasciano alcuna pista e non considerano nessuna costola della criminalità organizzata attiva a ridosso delle due province immune da una decisione così efferata.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

19 − quattordici =