Ha percorso oltre 1200 chilometri, per ritrovarsi ad un ora e mezza dal confine con la Francia. Nel 2004 era stata portata via da alcuni malviventi da una campagna di Racale, ma a distanza di 9 anni è “riapparsa” al nord, all’improvviso, così come era scomparsa.

È la storia di un’Ape Piaggio 50, rubata ad un contadino salentino nel lontano 2004 e ritrovata dai carabinieri a Cuorgnè, comune di 10mila anime in provincia di Torino. Il mezzo agricolo, perfettamente funzionante, era condotto da due giovani italiani, di 25 e 33 anni, entrambi disoccupati, che ora dovranno rispondere di furto aggravato, ricettazione e possesso di oggetto da scasso. A bordo dell’Ape “salentina”, infatti, i militari hanno trovato otto cacciaviti e una pinza, un frigorifero, un mobile porta televisore e un caminetto in ferro, rubati poco prima in una casa di Cuorgnè. Il 25enne è stato denunciato anche per possesso illegale di arma bianca, per via di un coltello, ritrovato nei calzini.
E così, dopo nove anni, quell’Ape potrà tornare dai legittimi proprietari che, dopo avere perso la speranza di rivederla, a distanza di nove anni, potranno finalmente tornarne in possesso.

 

(foto repertorio)