Un pregiudicato di Campi salentina, Andrea Ippolito, 24 anni, è stato arrestato dai carabinieri della Stazione di Ponte San Pietro, in provincia di Bergamo, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Lecce, con l’accusa di aver partecipato a una tentata rapina

in casa di un’anziana di Carmiano, lo stesso paese pugliese dove il giovane risiede. Il fatto risale al 12 febbraio scorso. Ippolito, secondo il sostituto procuratore della Repubblica Giuseppe Capoccia che ha coordinato le indagini dei carabinieri di Carmiano, si trovava insieme a due complici che devono ancora essere identificati. In quella circostanza, tre ragazzi, con il pretesto dell’acquisto di una bottiglia di vino, entrarono a volto scoperto nel garage dell’abitazione dell’anziana. Mentre la donna si apprestava a esaudire la richiesta, in due la bloccarono e la trascinarono per terra. La donna reagi’ e per questo i tre malviventi rinunciarono al tentativo, anche perche’ da quelle parti stava passando una pattuglia dell’Arma. I carabinieri di Carmiano, avendo fondati sospetti che colpi del genere potessero essere commessi da un amico di Ippolito, si sono messi immediatamente alla ricerca di quest’ultimo, scoprendo con enorme sorpresa che, al momento della rapina, si trovava negli uffici della Questura di Lecce. Pian piano, nei giorni successivi, ha incominciato a farsi strada l’idea che la tentata rapina potesse essere stata commessa da persone vicine all’amico di Ippolito, magari proprio per scagionarlo. Sono state quindi sottoposte alla signora, in un fascicolo fotografico, le foto di alcuni giovani. Andrea Ippolito e’ stato riconosciuto senza ombra di dubbio dalla vittima della rapina. Nei giorni successivi all’episodio criminoso, avendo intuito probabilmente di aver agito con troppo impeto e poca prudenza, Andrea Ippolito si e’ allontanato da Carmiano, facendo perdere le proprie tracce. Ma e’ stato individuato in provincia di Bergamo. Da qui la segnalazione ai colleghi lombardi e l’arresto. Ippolito si trova ora in carcere a Bergamo.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.