Giornate di lavoro mai eseguite e dichiarate all’Inps con falsi braccianti che avrebbero beneficiato dei relativi trattamenti previdenziali ed assistenziali. Con l’accusa di truffa aggravata e continuata in concorso ai danni dell’Ente Previdenziale rischiano di finire sotto processo Antonio Conte, 65enne di Morciano

di Leuca, titolare dell’omonima ditta agricola, ed altre 32 persone. Si tratta di Liberato Cimino, 61enne di Melissano, Lucia Barlabà, 66 anni di Melissano, Addolorata Caporale, 60 anni di Gallipoli, Maria Teresa Caputo, 63, di Melissano, Gelsomina Colona Casto, di 58, di Taurisano, Luigi Cosimo Congedo, 51enne di Taviano, Valentina Danilevic, 37enne di origini lituane e residente a Melissano, Liberata De Leone, 36, di Melissano, Maria De Lorenzis, 64 anni di Taviano, Marcella Francioso, 38, di Alliste, Valentina Iannotti, 27, di Melissano, Maria Rosaria Leone, 42 anni, di Melissano, Enrico Maggio, 37, di Melissano, Luciano Davide Manni, di 66, di Melissano, Salvatore Manni, di 60, di Melissano, Cosima Dolores Marino, 43, di Alliste, Carmelina Luigia Marrocco, 47 anni, di Racale, Antonia Marzano, 53enne, di Torre San Giovanni, frazione di Ugento, Franca Milone, 53, di Racale, Silvana Milone, 50 anni, di Melissano, Francesca Napoli, 53, di Racale, Patrizia Napoli, 45, di Taviano, Lucio Gaetano Palma, 66, di Taviano, Carmela Pizzolante, di 57, di Melissano, Paolo Antonio Pizzolante, 60, di Racale, Paola Ponzetta, di 60, di Melissano, Lucia Portaccio, 45, di Taviano, Isabella Potenza, 34 anni, di Racale, Quintino Renni, 62 anni, di Gallipoli, Renato Renni. 52, di Racale, Carmina Sammali Ferrari, 55, di Taviano, Lucio Gaetano Palma, 66enne, di Taviano. Gli imputati sono difesi dagli avvocati Giuseppe Martino, Ada Coluccello, Ezio Garzia, Claudio Miggiano, Giacinto Mastroleo, Massimo Fasano, Luigi Renna, Cosimina Lucia Casto, Davide Spiri e Rosalba Pindinello.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due + diciotto =