2013-03-28_conf-mustE’ trascorso quasi un anno dall’inaugurazione del museo storico di Lecce MUST, il progetto nato nel 2003 per realizzare un centro dell’attività culturale cittadina nella struttura dell’ex monastero di S. Chiara; ed oggi, a distanza di un anno, l’amministrazione mostra con soddisfazione un passo importante appena raggiunto.

Si tratta della graduatoria per il bando regionale dedicato alle istituzioni museali in corso di attivazione, che permetterà al MUST di ricevere la somma di 800mila euro per continuare il lavoro di riqualificazione delle strutture e di valorizzazione di tutto il sistema museale.

Due obiettivi che fin dalla nascita del MUST sono stati imposti dall’assessorato alla cultura, rappresentato nella conferenza di questa mattina a Palazzo Carafa, dall’assessore Luigi Coclite e dal dirigente arch. Nicola Elia. Ora, grazie alla pubblicazione delle graduatorie del bando, che vedono il MUST di Lecce al secondo posto davanti ad altri 61 comuni della Regione Puglia, sarà possibile continuare su questa linea, garantendo al museo maggiori strutture e permettendo di accogliere allestimenti di alto livello.

“Quando lo scorso 20 aprile inaugurammo il MUST”, ha spiegato l’architetto Elia, “Molti credevano che fosse la solita apertura e che questa struttura sarebbe stata lasciata a se stessa. In realtà è stata una scommessa vincente che abbiamo raccolto, tenendo il museo sempre aperto e realizzando progetti di grande valorizzazione legati ai sistemi culturali.”

Oggi il MUST si fa ancora più museo, insomma, nonostante già da tempo l’amministrazione è stata in grado di allestire nel solo piano terra diverse collezioni di arte contemporanea; non solo nei mesi scorsi il museo è diventato protagonista di alcuni eventi culturali legati al programma musicale e artistico leccese che ha raccolto un notevole consenso di pubblico.

“Abbiamo raggiunto l’obiettivo attraverso eventi e attività,” ha infatti spiegato l’assessore Coclite. “E cosa più importante abbiamo portato i cittadini in questa realtà. Quello che noi vogliamo in futuro è poter utilizzare il MUST per 365 giorni all’anno.”

Anche il Sindaco Paolo Perrone, ha commentato con soddisfazione la graduatoria del bando regionale convinto che “Oggi il MUST ha fatto un importantissimo passo per diventare l centro di promozione culturale della città. Tutti sono rimasti incantati dalla bellezza di questo involucro ma anche dall’abilità della nostra programmazione culturale che abbiamo deciso al suo interno. Il MUST è uno dei nostri obiettivi che ben si lega alla candidatura di Lecce come Capitale della Cultura 2019 ma a differenza di questa che è un obiettivo a medio termine, il museo è un traguardo del lungo termine. Questo perché, se anche Lecce non dovesse ottenere la candidatura, il museo farà comunque parte del piano regolatore delle attività culturali della città.”

Di Roberta Mazzotta

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

diciannove + tredici =