lecce-cinema-massimo
Foto D. Torsello

“Vita da non morire mai” di Silvana Maja, prodotto da Flavia Parnasi, sara’ presentato domani 10 aprile in anteprima al XIV Festival del Cinema Europeo di Lecce, diretto da Alberto La Monica e Cristina Soldano. Il nuovo film della Maja, gia’ autrice di “Ossidiana” sulla vita della pittrice napoletana Maria Palliggiano, segue le vicende di tre donne che per mano conducono lo spettatore attraverso la piu’ antica emozione umana: la paura. A raccontarsi sono Silvana Leonardi, Carla Maja, Francesca Palombelli. Per ognuna di loro, narrare la propria storia e’ un’ occasione per ricostruire e riorganizzare con altri codici i significati legati alla propria esperienza di vita. Sono tre donne coraggiose, giovani donne colpite dal tumore, che mettono a nudo la paura ma anche la forza e il faticoso processo di un nuovo modo di guardare a se’, ai legami interpersonali, al proprio ruolo nella societa’. Un viaggio verso un progetto di vita nuovo, in cui l’elemento negativo, perturbante, assume la valenza di un potente stimolo che tocca tutti noi. “Mi interessava parlare della paura, dell’aspetto perturbante – dichiara la regista – e di cio’ che questi sentimenti scatenano nella mente delle donne ammalate creando alcune volte degli inneschi salvifici, di grande trasformazione.Ho sentito che questa parte di dolore poteva servire a noi che raccontiamo, a chi si ammala per cercare la ragione profonda del male, allo spettatore per domandarsi il senso e il perche'”.