slide-scomparsiNessuna novità rilevante sarebbe venuta fuori dalla consulenza sui telefoni cellulari degli indagati per la scomparsa dei due giovani amici, Luca Greco e Massimiliano Marino, rispettivamente di Campi Salentina e San Donaci. Ma gli investigatori stanno passando al setaccio date e orari dei contatti telefonici rinvenuti per cavarne qualche elemento utile all’inchiesta avviata dal sostituto procuratore Giuseppe Capoccia.

 

Tre nomi sono stati iscritti nel registro degli indagati con l’accusa di favoreggiamento aggravato dalle modalità mafiose. Innanzitutto Salvatore Liuzzi, 35enne brindisino ma residente a Squinzano, finito in carcere proprio perché ha intrattenuto contatti telefonici mentre era in regime di arresti domiciliari, con la brindisina Giovina Vitale (seconda indagata) ma anche con i due scomparsi. Con Massimiliano Marino si sarebbe sentita anche la 22enne di Squinzano, Alessandra Bruni (terza indagata). Al suo cellulare, infatti, qualche ora prima della scomparsa, sarebbe arrivato un sms inviato dal cellulare da Marino.

 

Gli accertamenti sono in corso.

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

sette + 4 =