Giudiziaria_aula tribunale (2)Condannata lei, assolto lui. Anna De Vitis, 34enne di Casamassella, frazione di Uggiano La Chiesa, ha patteggiato a due anni di reclusione, pena sospesa, dinanzi al gup Simona Panzera con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.
Il suo compagno, invece, in abbreviato, è stato assolto con la formula “per non aver commesso il fatto”, così come aveva chiesto lo stesso pubblico ministero Giuseppe Capoccia. Questo, alla luce dell’ampia confessione fornita dalla donna che si è addebitata il possesso dello stupefacente. Per l’imputata, assistita come l’uomo dall’avvocato Dimitry Conte, il giudice ha riconosciuto l’attenuante della lieve entità dell’articolo 73.

La De Vitis ha anche potuto beneficiare della sospensione della pena ed è stata scarcerata. L’arresto della coppia risale alla sera del dieci dicembre scorso. A Casamassella, i carabinieri di Otranto arrestarono in flagranza di reato Jasmin Beherem, 50enne, originario del Montenegro, residente a Vernole ma di fatto domiciliato a Casamassella, giostraio già noto alle forze di polizia e Anna De Vitis, 34enne di Casamassella. I due, già tenuti d’occhio da qualche giorno, a seguito di una perquisizione prima personale e poi domiciliare, vennero trovati in possesso di varie dosi contenenti complessivi 171,80 grammi di marijuana, nonché di materiale per il confezionamento.

F.O.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

1 × 5 =