Hanno trasportato il pubblico in una dimensione magica, in un limbo onirico, dove le note e i pensieri s’intrecciano fluttuando verso l’etereo. “Blue From Heaven” , non poteva esser dato un nome più adatto al progetto di Pierluigi Balducci, prodotto dall’etichetta discografica salentina Dodicilune , che ha dato vita ad un quartetto capace d’incantare il pubblico del Politeama ieri sera a Lecce. Balducci, bassista e compositore pugliese co-leader della formazione Nuevo Tango Ensamble, è considerato tra i virtuosi del basso nel mondo. Jazzit Award l’ha inserito nella top ten dei migliori bassisti elettrici italiani degli ultimi anni.Musicisti che non hanno bisogno di presentazioni e che nel panorama del Jazz internazionale possono ritenersi fra i migliori nei loro strumenti.Ad accompagnare Balducci sul palco l’americano Paul McCandless – già componente del leggendario quartetto degli Oregon – pioniere della musica strumentale moderna che ha portato ad elevato lirismo il sound e le composizioni del bassista pugliese. Accanto a lui, al piano, il britannico John Taylor, fondatore dello storico gruppo degli Azimuth, uno dei più sofisticati pianisti al mondo in grado di fondere egregiamente la classica al Jazz. Infine il percussionista e batterista Michele Rabbia , un altro italiano che può vantare collaborazioni con i più autorevoli musicisti Jazz del panorama internazionale, famoso per l’uso di strumenti atipici nel suo percorso di esplorazione del mondo dei suoni. Un vero creativo.Insieme hanno aperto una finestra verso un “altrove” fatto di suoni e silenzi. Otto composizioni “visionarie” come lo stesso autore ama definirle, per un concerto ricco d’improvvisazione ma allo stesso tempo con una cura pregevole nell’arrangiamento. Un amalgama perfetta fra i quattro nonostante la differenza generazionale e linguistica, a testimonianza del fatto che la musica, quella d’eccellenza, riesce inevitabilmente a trovare un’intesa, un percorso sempre nuovo verso luoghi inesplorati ma che regalano ogni volta una piacevole familiarità, tipica delle opere d’arte.

Christian Petrelli

 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quindici + diciannove =