Matteo De Rosa, si è confermato tra i principali protagonisti durante i Camponati Italiani 2013 organizzati dalla Federazione Italiana Kickboxing e in programma a Jesolo (Ve) lo scorso weekend. L’atleta 17enne di Casarano – impegnato nella categoria K-1 Rules, Junior kg 63,5 – ha superato ai punti il veneto Mattia Calcara (A.S.D. Team Biolcati Vicenza); il neocampione italiano De Rosa (portacolori della Helios Boxe di Lecce) come sempre, è stato seguito all’angolo dal maestro Mino Conte (Team Conte).

«Sono felicissimo per questo traguardo raggiuntospiega De Rosa – sono riuscito a conseguire una vittoria prestigiosa cha vale un titolo italiano. Sono estremamente soddisfatto anche perché ho potuto regalare una grande emozione anche al maestro Conte e a mio padre Fernando con i quali ho condiviso questa lunga trasferta in terra veneta. Il match contro Calcara si è, sin dall’inizio, incanalato verso la giusta direzione, considerato che nei primi due round, il mio avversario ha subìto due conteggi; quindi una vittoria mai messa in discussione. È un piccolo passo, che spero possa proiettarmi verso altri prosceni. Adesso però – aggiunge De Rosa – oltre a continuare ad allenarmi, sono pronto a sostenere mio padre (Fernando, ndr) impegnato il 20 e 21 aprile prossimi, al 20° Rally Città di Casarano».

Ampiamente soddisfatto è il maestro Mino Conte (Team Conte): «Una grande prova sciorinata da Matteo – esordisce Conte – ha confermato nuovamente di possedere i numeri e la stoffa per ambire ad altri traguardi. È un atleta che deve ovviamente migliorare ma dimostra di essere completo tecnicamente e di disporre di una personalità da vero combattente; inoltre, De Rosa vanta anche un’ottima struttura fisica, che impreziosisce la sua forza e certifica il lavoro svolto durante gli allenamenti: la costanza e lo spirito di abnegazione determinano il futuro di un vero campione. Per il momento, sei incontri disputati, conditi da altrettante vittorie (due per ko) sono decisamente un ottimo biglietto da visita».

Infine anche per papà Fernando, la gioia è davvero incontenibile: «Non sono riuscito ad appassionare Matteo al mondo dei motori ma è riuscito comunque a farmi emozionare come un ragazzino – spiega Fernando De Rosa, il 44enne rallista – Per un padre vedere il proprio figlio raggiungere determitari traguardi rappresente una gioia indescrivibile; adessò comunque, come sempre attendo Matteo sulle Prove Speciali del prossimo Rally Città di Casarano, per ricambiare il sostegno che ha ricevuto da parte mia a Jesolo; ovviamente scherzo!».