Lecce_movida-91«Lavorare insieme e puntare sulla qualità dei prodotti offerti, continuando a mantenere alto il livello di professionalità che da sempre contraddistingue gli imprenditori salentini del settore rappresenta il primo passo per affrontare la crisi che sta investendo il settore dei pubblici esercizi, in particolare i locali serali della cosiddetta movida leccese. Abbassare i prezzi di birre e cocktail non è la giusta risposta alla crisi.»

Con queste parole Marco De Matteis, presidente del Coordinamento Provinciale Locali Serali, appartenente a FIPE – Federazione Italiana Pubblici Esercizi – Confcommercio Lecce, interviene per cercare di dare una risposta concreta alla nuova politica di ribasso dei prezzi, che negli ultimi tempi molti titolari di pub e locali serali del centro storico di Lecce stanno adottando nel tentativo di combattere il momento di crisi.

«Siamo consapevoli che la situazione attuale sia davvero difficile, così come dimostrano le numerose chiusure di locali nel centro storico – afferma De Matteis – ma ciò non significa che si debbano intraprendere azioni di marketing che agiscono positivamente solo nel breve periodo. Abbassare i prezzi – prosegue – per attrarre nuova clientela, aumentando così il volume di vendita, e dunque il margine di guadagno, è una scelta strategica errata che non consente di uscire dalla fase di crisi.»

«Come sindacato di categoria, infatti, – precisa il Presidente – invece di applicare politiche di marketing solo all’apparenza capaci di risolvere la crisi economica, preferiamo portare avanti una politica di tutela dei pubblici esercizi incentrata su un’offerta di qualità e di garanzia del rispetto delle norme che regolano il settore, a cominciare dal contrasto del consumo e abuso di alcolici nel corso delle serate. In tal senso, inoltre, grande attenzione riserviamo al divieto di somministrazione di bevande alcoliche ai minori di 16 anni, con l’applicazione del vigente decreto Balduzzi sulla salute.»

«La movida leccese – conclude – è famosa a livello nazionale, e ciò grazie alla professionalità degli operatori del settore che, in un’ottica di innovazione, offrono diverse tipologie di intrattenimento serale, divenendo così capaci di attrarre sempre nuovi clienti. Il nostro impegno, soprattutto ora che ci troviamo in procinto dell’avvio della stagione estiva, sarà rivolto non solo a mantenere alti gli standard qualitativi, ma anche ad intensificare il diaologo con la pubblica amministrazione per trovare insieme le risposte più idonee alle problematiche del settore.»

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

diciotto − undici =