Sono stati rinviati a giudizio Enrico Emilio Mammolo, 72enne di Ruffano e Gianfranco Nicolardi, 53enne di Andrano, con l’accusa di omicidio colposo in concorso per la morte di Rocco De Marinis, manovale edile alle dipendenze dell’impresa di Enrico Emilio Mammolo. E’ quanto disposto dal gup Carlo Cazzella che ha accolto la richiesta del sostituto procuratore Paola Guglielmi. Secondo quanto accertarono le indagini, Mammolo avrebbe delle responsabilità in qualità di datore di lavoro mentre Nicolardi come direttore dei lavori. Il manovale stava lavorando nel cantiere per la costruzione di una casa colonica sulla terrazza dove si stava realizzando la parte superiore della volta a stella e si trovava su un’altezza di oltre quattro metri senza che l’area fosse dotata di protezioni anticaduta con idonei ponteggi che circondavano la costruzione. De Marinis sarebbe così precipitato al suolo dalla terrazza procurandosi le lesioni che poi determinarono il suo decesso. Gli imputati sono difesi dagli avvocati Carlo Chiuri e Mario Ciardo. La parte civile, invece, rappresentata dalla moglie dai tre figli del defunto, sono rappresentati dall’avvocato Giuseppe Castelluzzo che ha chiesto quasi un milione di euro come risarcimento danni.

F.O.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

14 − otto =