Danneggiò diverse auto in sosta a bordo di un furgone e alla vista delle forze dell’ordine cercò anche di allontanarsi per evitare il controllo. Una volta fermato dopo un lungo inseguimento si scagliò contro gli agenti. Antonio Sebastien Dell’Anna, 29enne e incensurato leccese, potrebbe patteggiare ad otto mesi di reclusione dinanzi al giudice del Tribunale di Lecce Fabrizio Malagnino così come concordato dal suo avvocato difensore Anna Schiavano con il sostituto procuratore. La decisione è attesa a breve. L’11 novembre scorso, il giovane venne intercettato dagli agenti della squadra mobile, della polizia municipale e della guardia di finanza alla guida del mezzo, mentre sfrecciava a forte velocità, lungo la strada di collegamento tra Lecce e Giorgilorio, all’altezza del cinema “The Space”. All’Alt dei poliziotti, Dell’Anna avrebbe dato inizio ad una pericolosa e rocambolesca fuga durata alcuni minuti durante i quali, avrebbe addirittura imboccato la SS 613. Dopo diversi chilometri percorsi sulla tangenziale, il giovane, avrebbe poi imboccato lo svincolo di Borgo San Nicola proseguendo la sua folle corsa presso il centro della città, fino a Via Sellitto, dove abbandonò il mezzo, cercando quindi di scappare a piedi. Raggiunto dai poliziotti e dai finanzieri, Dell’Anna aggredì gli agenti con calci e pugni. Sottoposto ai test alcolimetrici e tossicologici risultò positivo a cocaina e cannabinoidi, e riportava un tasso alcolemico pari a 1,78 g/l. Da successivi accertamenti il furgone risultava rubato. Dell’Anna ora è libero con il solo obbligo di dimora nel proprio comune di residenza.

F.O.