CRONACA_finanza cas61Finiscono nei guai i presunti furbetti della sede regionale di Lecce. Un fascicolo è stato aperto dal sostituto procuratore Francesca Miglietta che ha ipotizzato, al momento contro ignoti, l’accusa di truffa aggravata ai danni della Regione.

Un’inchiesta avviata su segnalazione della stessa Regione che ha chiesto al tg satirico di Canale 5, di acquisire i video girati nel capoluogo barocco.

La linea dura annunciata dall’assessore regionale al Personale, Marida Dentamaro non ha tardato a produrre i suoi effetti. E la delega di indagini è già arrivata al Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Lecce che ha il compito di identificare i presunti fannulloni.

Dipendenti pubblici che, in orario di lavoro, si sarebbero allontanati dalla sede di viale Aldo Moro anche per diverse ore, per fare la spesa, accompagnare i figli a scuola e svolgere tutta una serie di attività completamente rientranti nella loro sfera privata, senza timbrare il cartellino e documentare le motivazioni del loro allontanamento.

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due × 4 =