”Nel giro di poche settimane, in tutta Italia, non ci saranno piu’ le risorse per finanziare la cassa integrazione in deroga e la mobilita’. Si tratta di circa un milione di persone, e quindi di relative famiglie, che hanno campato galleggiando nella poverta’ con 7/800 euro al mese e che di colpo precipiteranno, senza paracadute, nell’indigenza”. Lo ha detto il presidente della regione Puglia Nichi Vendola durante una conferenza stampa, insieme all’assessore al Lavoro Leo Caroli, per fare il punto sulla situazione degli ammortizzatori sociali in deroga e sul fabbisogno della Regione per il 2013. “Non e’ solo un problema pugliese. E’ un problema drammatico in Toscana, in Emilia Romagna, un problema serissimo in tutta Italia. La dotazione assolutamente insufficiente per gli ammortizzatori sociali in deroga e’ diventata una grande questione nazionale. E’ il passaggio dalla poverta’ all’indigenza per una porzione cospicua e rabbiosa di societa’ italiana”. Attualmente sono disponibili 84 milioni di euro, sufficienti solo per coprire fino al mese di aprile. Le risorse mancanti, sempre per la Puglia, ammonterebbero, per il 2013, a circa 180 milioni di euro”. “Non si puo’ sopportare uno scenario del genere per questo la mia proposta e’ che la commissione speciale, istituita in Parlamento per discutere dello sblocco dei pagamenti alle imprese e che una dotazione finanziaria di 40 miliardi di euro, destini 1 miliardo di euro, possibilmente in piu’, per finanziare gli ammortizzatori sociali in deroga per tutto il 2013 e per tutta Italia. Fra qualche settimana non ci saranno piu’ risorse e vorrei sottolineare che non e’ un problema di alcuni, ma e’ una grande questione sociale -ha concluso il presidente della PUglia- che rischia di essere lacerante, rischia di essere il possibile innesco di una guerra civile”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

diciotto + 12 =