Don-Tonino-BelloLa diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca, in collaborazione con la Fondazione Don Tonino Bello, dà il via oggi alla settimana dedicata agli appuntamenti che ricordano il “diesnatalis” (20 aprile) del Servo di Dio Tonino Bello, maestro di spiritualità incarnata, della teologica della pace, interprete autentico delle linee teologiche e pastorali emerse dal Concilio vaticano II.

Questo XX° anniversario assume i connotati di data “storica”, in quanto ormai la sua fama di “santità” si sta imponendo in tutta la Chiesa: sia perché moltissimi credenti fanno riferimento esplicito alla sua testimonianza di fede per consolidare la propria, sia perché il flusso di pellegrini che si recano sulla sua tomba ed entrano in contatto spirituale con lui non accenna a diminuire.

Il programma di questa settimana prevede un primo momento il 17 aprile alle 18.30 nell’Auditorium ad Alessano un convegno sul tema “I giorni della speranza” su Mons. Michele Mincuzzi, il vescovo di Ugento-Santa Maria di Leuca che “scoprì” e “valorizzò” l’episcopato di don Tonino Bello.

Il 19 aprile, sempre ad Alessano, alle ore 18.00 nella Chiesa parrocchiale il momento principale della settimana, la celebrazione eucaristica presieduta dal card. Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle cause dei santi. Mentre il 20 aprile, giorno anniversario della morte, il vescovo di Ugento-S.M. di Leuca mons. Vito Angiulialle ore 18.00 celebrerà sulla tomba di don Tonino Bello ad Alessano la messa di commemorazione.

Per quanto riguarda il Processo per la beatificazione, siamo alla fase diocesana che, con tutta probabilità,dovrebbe durare fino alla fine dell’anno; in questa fase vengono raccolte le testimonianze di fedeli sulle virtù eroiche del Servo di Dio. Conclusa questa fase, tutto passerà nelle mani della Congregazione delle cause dei santi in Vaticano per l’analisi di dettaglioeper i riscontri. La tempistica di queste fasi è tutt’altro che prevedibile; pertanto non hanno fondamento le anticipazioni di date diffuse nei mesi passati da soggetti diversi dalle autorità ecclesiastiche competenti, che peraltro comunicheranno con tempestività ogni novità ufficiale riguardo al Servo di Dio Tonino Bello.

 

 

Mons. Antonio Bello è nato ad Alessano (LE) il 18 marzo 1935. Entrato da ragazzo nel Seminario Vescovile di Ugento, ha poi frequentato il Pontificio Seminario Regionale di Molfetta e il Seminario ONARMO di Bologna. E’ stato ordinato sacerdote l’8 dicembre 1957 dal Vescovo di Ugento, Mons. Giuseppe Ruotolo. Ha conseguito la Licenza in Teologia presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale di Milano e il Dottorato presso la Pontificia Università Lateranense. Nella sua diocesi d’origine è stato nominato dapprima Vice Rettore e poi Rettore del Seminario Vescovile, Direttore dell’Ufficio Pastorale, Parroco della Parrocchia del Sacro Cuore di Ugento e infine della parrocchia della Natività della Beata Vergine Maria di Tricase.

Il 10 agosto 1982 Giovanni Paolo II lo ha eletto Vescovo di Molfetta, Giovinazzo e Terlizzi, e il 30 settembre 1982 Vescovo di Ruvo. Il suo ministero pastorale è stato ben sintetizzato dal versetto del Salmo 32 prescelto a motto episcopale: “Ascoltino gli umili e si rallegrino”.E’ stato dalla parte dei poveri, dei senza-casa, degli immigrati, degli ultimi. Campione del dialogo e costruttore infaticabile di pace, nel 1985 è stato nominato Presidente nazionale di Pax Christi. In tale veste ha girato il mondo, proclamando la Parola di Dio e compiendo gesti di riconciliazione, come l’ingresso in Sarajevo ancora in guerra, dove ha profetizzato la nascita di un’ONU dei popoli capace di affiancare quella degli Stati nel promuovere esiti di pace.Ha pubblicato numerosissime opere.

E’ morto a Molfetta, il 20 aprile 1993, in fama di santità.Ai funerali hanno partecipato decine di migliaia di persone accorse dall’Italia e dall’estero. Il cimitero di Alessano, dove oggi riposano le sue spoglie, è costante meta di pellegrinaggio. Non si contano le persone, i gruppi, le comunità che si ispirano al suo messaggio; così come le scuole, le strade, le piazze, le realtà aggregative che si intitolano al suo nome.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

diciannove − diciannove =