Aveva preso a testate il suo ex dipendente, col quale era scoppiato un litigio per motivi economici, e per lui, dopo sette anni, è arrivato il tempo della condanna. Dovrà scontare un anno e mezzo di reclusione il 56enne Roberto De Bitonti, originario di Nardò ma residente a Palaia, in provincia di Pisa. La vicenda risale al novembre del 2006, quando il neretino, con la complicità di altre due persone, aveva fermato per strada un operaio di Peccioli, sempre nel pisano, e lo aveva picchiato selvaggiamente. Tra il salentino e la vittima esisteva un rapporto di conoscenza, dal momento che il primo è stato, per un periodo, il datore di lavoro del secondo. La persona aggredita aveva raccontato di essere stata avvicinata e bloccata da tre individui, tra i quali anche il neretino, a lui già noti, che lo avevano poi picchiato e colpito con testate, fino a procurargli lesioni al volto, giudicate guaribili in 30 giorni.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quattro × 5 =