Foto Andrea Skakkomatto
Foto Andrea Skakkomatto

Tempi certi e una soluzione definitiva che eviti un’estate di disagi ai turisti e agli operatori economici del settore.

Torna a chiederli, con forza, il Presidente della Provincia di Lecce, che in mattinata ha indirizzato una lettera urgente al Governatore di Puglia Vendola richiedendo l’incontro non ancora convocato dalla Regione e necessario a decidere in via definitiva le sorti del recapito finale dell’impianto di depurazione di Gallipoli.

“L’inerzia della Regione Puglia, infatti, non ha ancora consentito una soluzione del problema, a mesi di distanza dal suo manifestarsi”. “Un fatto inaccettabile – per il Presidente della Provincia – , e che mette a serio rischio l’estate gallipolina”.

“Nella riunione del 22 febbraio presso l’Assessorato ai Lavori Pubblici della Regione – esordisce Gabellone – sono stati concordati tutti gli ultimi approfondimenti che il Comune di Gallipoli e la Provincia di Lecce avrebbero dovuto espletare circa le soluzioni individuate per la risoluzione del problema dello scarico sottocosta del depuratore consortile. L’esito di questi accertamenti – prosegue Gabellone – , da completarsi entro il 12 aprile, avrebbe dovuto essere discusso e approvato in via definitiva da una riunione regionale, che non si e’ ancora tenuta.
Considerando che la nuova stagione estiva è già alle porte e consapevole di quanto il tema sia sentito e percepito dalla comunità di Gallipoli Le chiedo – scrive Gabellone a Vendola – di convocare in tempi brevissimi la riunione che allo stato attuale non si è ancora tenuta”.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.