Ogni mattina andava nei pressi di un’abitazione in costruzione a Scorrano, spostava un paio di mattonelle e si riforniva di droga. La faccenda è però arrivata alle orecchie dei carabinieri di Maglie e l’uomo è finito in manette. Si tratta di Giannotta Mario, 42enne di Scorrano, assistente capo di polizia penitenziaria in servizio presso la casa circondariale di Lecce, accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’episodio è avvenuto questa mattina alle 8.30, quando il 42enne é stato controllato nei pressi dell’abitazione in costruzione di un suo conoscente, dopo aver spostato un paio di mattonelle e aver raccolto un involucro da terra, contenente 12,5 grammi di eroina, 7,5 di cocaina e una pasticca su cui sono in corso accertamenti. L’uomo è stato così accompagnato alla Casa Circondariale di Lecce.

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.