Politica_buccarella_grilloL’avvocato Maurizio Buccarella è il nuovo vicepresidente dalla Commissione Giustizia al Senato: questo è tutto quello che il Movimento 5 Stelle è riuscito a guadagnarsi. Il presidente è Francesco Nitto Palma, che la spunta alla quarta votazione, dopo una serie di polemiche scatenate dal fatto che a sinistra è difficile digerire la nomina di un fedelissimo berlusconiano a capo della Commissione Giustizia.

Buccarella commenta tranchant: “Con un presidente di questo tipo sarà dura discutere leggi che sono prioritarie in questo paese: mi riferisco al disegno di legge sul conflitto di interessi e alle norme sulla corruzione. Nel programma del Movimento 5 Stelle ci sono punti importantissimi sulla giustizia, ma è il presidente di commissione che stabilisce l’ordine degli argomenti da discutere”. I giochi sono fatti anche sulla giustizia, ma il senatore salentino promette una dura battaglia anche in commissione. Grillo, invece, manda a quel paese tutti e parla di “nomine vergogna”: “La spartizione delle presidenze di commissione tra Pd e Pdl èun enorme vaffanculo alla nazione”.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.