Ha dichiarato di aver trasportato quell’ingente quantitativo di eroina perché in gravi difficoltà economiche e di essersi così prestata a svolgere il ruolo di corriere. Si è svolto nelle scorse ore l’interrogatorio di Paola Caputo, la 24enne di Taviano, arrestata sabato pomeriggio dai carabinieri perché trovata in possesso di mezzo chilo di eroina. Assistita dall’avvocato Biagio Palamà, la giovane ha giustificato così il proprio gesto ma il giudice per le indagini preliminari Simona Panzera ha convalidato l’arresto e ha disposto la misura cautelare dei domiciliari. L’arresto della giovane è avvenuto durante un servizio di controllo che i carabinieri della Compagnia di Casarano stavano effettuando sul territorio di propria competenza, in particolare nei comuni della fascia jonica Ugento, Racale e Taviano. Al cospetto dei carabinieri, la Caputo si è dimostrata piuttosto nervosa e insofferente insospettendo così i militari che hanno deciso di perquisire daprima l’auto e poi la persona trovando un panetto di eroina che era avvolto in un pantalone. E per la giovane, a quel punto, sono scattati i domiciliari.

F.O.