foto (4)Una buona pratica di turismo sostenibile: è quello che accade a Lecce, dove il tre stelle design di Vestas Hotels & Resort, l’Eos, diventa il primo albergo dotato di materiale informativo e tabelle visivo-tattili per non vedenti e ipovedenti. Un passo importante per il turismo locale, grazie al progetto della giovane designer Michela Bidetti, voluto e sostenuto da Andrea Montinari, presidente della catena alberghiera (del suo gruppo anche l’Hotel President e il Risorgimento Resort).

Stanze e spazi comuni sono attrezzati di speciali tabelle visivo tattili utili a tutti, normodotati e ipovedenti, per consentire a qualunque fruitore dell’hotel di potersi orientare nell’ambiente circostante e muoversi in completa autonomia. All’ingresso dell’albergo è posizionata una mappa degli spazi interni consultabile da chi utilizza il linguaggio braille, che permette agli ospiti ipovedenti di spostarsi senza bisogno di accompagnamento, mentre nella hall e nelle stanze sono presenti brochure, menu, biglietti da visita e perfino la mappa della città. Nelle camere le tabelle segnalano il percorso per arrivare all’ascensore.

Fiore all’occhiello del progetto è il pannello con una poetica descrizione della città vista dall’alto, prima di affacciarsi in terrazza. Le parole sono della giovane scrittrice Maria Marzioni.

Anche il personale dell’Eos sarà formato per accogliere al meglio le persone con disabilità, spiega durante la conferenza stampa di presentazione Andrea Montinari.

“Il progetto avviato all’Hotel Eos dimostra un’encomiabile lungimiranza e sensibilità imprenditoriale. Finalmente i disabili vengono considerati turisti al pari dei normodotati e non degli ospiti indesiderati come normalmente accade nelle strutture ricettive. Il turismo può e deve diventare accessibile a tutti, e per riuscirci servono rispetto e buon senso prima ancora degli investimenti”, ha aggiunto dalla sua in conferenza Luigi Mangia, segretario provinciale di Sfida (Sindacato Famiglie Italiane Diverse Abilità).

Frutto di un concorso di design destinato a fare scuola, l’Eos Hotel continua dunque a distinguersi proprio per le soluzioni architettoniche inedite e funzionali segnando il passo per una nuova tendenza alberghiera che poggia su innovazione e sostenibilità con un occhio di riguardo anche alle persone con disabilità affinché la vacanza sia davvero accessibile. Una vacanza senza barriere, per tutti. Ma Lecce sarà pronta a fornire servizi all’altezza?

 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quattordici − otto =