Attualità_cortili aperti-300x225Lecce apre i cortili dei suoi tesori più nascosti. Torna come ogni anno “Cortili Aperti”, una delle manifestazioni più importanti della città. Ventisei dimore storiche, aprono i battenti domenica 26 maggio, permettendo di scoprire le proprie bellezze nascoste. Un evento ormai consolidato che è giunto alla diciannovesima edizione: un vanto per la città che in questa occasione raccoglie un grande successo di pubblico. Non solo tantissimi turisti che giungono a Lecce appositamente per l’evento ma anche gli stessi leccesi che ogni anno approfittano per una passeggiata tra le bellezze della propria città.

“Abbiamo sposato insieme un principio che è quello che il patrimonio che i cittadini offrono al mondo non è solo quello pubblico ma anche quello privato che è gestito curato e voluto dai privati. E questo patrimonio viene messo a disponibilità pubblica per un giorno.

Questa iniziativa non è solo appannaggio dei turisti ma soprattutto per i leccesi che hanno la possibilità di aver accesso al patrimonio monumentale e architettonico della città.” È con queste parole infatti, che il Primo Cittadino Paolo Perrone, ha chiarito l’importanza di questo evento per tutti.

Cortili Aperti quest’anno è stato strutturato in 5 itinerari, per rendere più facilmente fruibili tutti i cortili messi a disposizione dall’Associazione Dimore Storiche che si occupa da sempre di dare vita a questo evento. Più precisamente sono così ripartiti: Primo Itinerario, Palazzi Casotti, Martirano, Tinelli, Gorgoni e Chiesa di San Leucio; Secondo Itinerario, Palazzo Guido, Case a Corte e Protonobilissimo e Chiesa Santa Maria degli Angeli; Terzo Itinerario, Chiesa di San Giovanni di Dio e Palazzi Palmieri, Ferrante Gravili, Apostolico Orsini, Rollo e Palombi; Quarto Itinerario, Palazzi Andretta, Guarini, Bernardini, Sambiasi, Brunetti e Chiesa di San Sebastiano; Quinto Itinerario, Palazzi Tamborino, Castromediano, Castromediano Vernazza, Grassi e Carrozzini.

Come ogni anno, non mancano quelle che l’assessore alla cultura Luigi Coclite chiama “contaminazioni”. Oltre alla bellezza dei giardini nascosti infatti, sono stati organizzati alcuni eventi collaterali. Concerti, esposizioni di opere d’arte, quest’anno persino esibizioni di scherma e opere teatrali. Sono tantissimi gli appuntamenti che si alterneranno nei palazzi più famosi durante gli orari di apertura: dalle 10.00 alle 13.00 durante la mattinata e poi dalle 16.00 fino alle 21.00.

Tra gli eventi principali ricordiamo lo spettacolo teatrale “Sull’Acqua” della compagnia Calandra, l’esibizione del quartetto Hathor e i concerti offerti dal Conservatorio Tito Schipa di Lecce.

Sono inoltre previste, visite guidate in lingua italiana, inglese, spagnola e tedesca, offerte dagli allievi dell’istituto Marcelline di Lecce; inoltre non mancherà una visita in LIS per i non udenti. Anche gli allievi della scuola Oxford, si proporranno da Ciceroni all’interno dei cortili.

“Questo evento è ciò che caratterizza l’impegno culturale di una città come Lecce.” Ha dichiarato l’assessore alla cultura della Provincia Simona Manca. “Non apre solo musei e strutture pubbliche ma possiamo invece ben dire che Lecce apre letteralmente le sue porte. E considerato che questo finesettimana abbiamo tante altre iniziative, tra cui il Festival del libro dei ragazzi, penso che weekend più bello non ci sarà.”

Roberta Mazzotta

1 COMMENTO

  1. Perchè non riproporlo anche il weekend successivo del 02 giugno in modo da permettere ad un numero piú consistente di turisti e gente del luogo di visitare le bellezze della città di lecce assicurando un buon ritorno economico per il settore turistico in questo periodo di crisi.
    Grazie

LASCIA UN COMMENTO

sei + 8 =