Torna Cafe Buda, torna Max Vigneri a farci emozionare, a farci rivivere i sentimenti di un tempo. Nei ricordi, nelle parole, nei suoni di una chitarra si conclude stasera la presentazione, dopo mesi di lavoro, della raccolta editoriale “Salento Quante Storie”, creata dai vincitori dell’ omonimo concorso letterario presentato da Città Futura.

Ma quante storie può avere il Salento nelle sue terre, nelle masserie, nelle insenature di una costa? Il Salento visto da chi lo ama, da chi lo ha amato e ha deciso di scriverlo. Perchè scrivere del Salento è parlare di arte, di musica, di profumi, ma anche di paure, di difficoltà, di speranze. Il Salento visto nelle cuciture di una giacca, nelle strade del centro, nelle pietre che sembrano raccontarci la sua storia.

Stasera, al Paisiello, si entra nel vivo di Salento quante storie, con la presentazione del libro, la premiazione dei vincitori e del miglior racconto, selezionato direttamente dal pubblico.

L’evento, organizzato da Musica e Parole, sarà aperto da Ruvido Rockband e a seguire gli autori selezionati da Mauro Marino e Pierfrancesco Pacoda per il concorso letterario: Marco Del Vecchio, Oronzo Vincenzo Cino, Paola Rita Torsello, Marco Rizzo, Massimo Vigneri, Francesca Montagna, Simone De Filippis, Alfredo Sfilo, Carlo Infante, Gabriele Carlà.

A concludere la serata, la musica e i testi di Max Vigneri, con la straordinaria voce di Elisabetta Liquori. Una serata all’insegna della vita nel Salento e del Salento. Stasera come dice Max “è tempo di danzare su una stella, di bere una cioccolata calda al Cafe Buda” e ancora “raccontare della polvere sui libri del liceo, del suono dolce di un best-sellet immortale, degli odori che non hai mai sentito, di quei ragazzi di Piazza Indipendenza, così strani che non li hai capiti mai, sempre a caccia di fantastiche avventure, di quelle giacche a vento piene di ansie e di paure”.

Sabrina Arnesano

 

CONDIVIDI