Il Comune di Lecce parteciperà all’avviso 2013 della Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia (“arte attività e beni culturali”) con il progetto relativo al completamento dei lavori di scavo archeologico, valorizzazione e fruizione di fondo anfiteatro dell’importo complessivo di 220mila euro, di cui 110mila euro a carico dell’Amministrazione Comunale quale quota di finanziamento pari al 50 per cento dell’importo complessivo.

La delibera è stata approvata ieri dalla giunta comunale. Il progetto preliminare redatto dagli architetti Roberto Bozza ed Enrico Ampolo e dal coordinatore scientifico Francesco D’Andria dell’università del Salento prevede l’attività scavo all’interno del Paro archeologico e la predisposizione idi innovativi strumenti di fruizione, tra cui (assistenza scientifica allo scavo, il diserbo meccanico delle erbe infestanti, la realizzazione dei percorsi pedonali con staccionate di sicurezza, l’installazione di pannelli didattici, la realizzazione di sistemi di comunicazione con ricostruzioni virtuali dell’insediamento archeologico)

“Il progetto – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici Gaetano Messuti – nasce dalla fattiva collaborazione dell’Assessorato ai Lavori Pubblici con il settore Politiche Comunitarie, grazie al coofinanziamento scientifico del Dipartimento Beni Culturali guidato dal professor D’Andria e alla collaborazione con l’associazione ‘Vivere Lecce’. E’ la dimostrazione della grande attenzione rivolta dall’Amministrazione Comunale verso il Parco Rudiae. Certo, c’è ancora qualche problema da risolvere a cominciare dalla gestione del Parco. Non a caso ci stiamo confrontando continuamente con l’Università del Salento per riuscire ad individuare una soluzione efficace”.

 

 

 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

11 − quattro =