auto-saliceNotte di fuoco nel Salento, dove quattro auto sono state avvolte dalle fiamme tra Salice Salentino, Galatina e Nardò. Non in tutte le circostante, tuttavia, si tratta di atti dolosi. È certamente accidentale l’incendio che, nella notte, ha interessato la Golf dell’ex sindaco di Salice Salentino Donato De Mitri. L’auto dell’ex primo cittadino era parcheggiata in via Tenente Maritati, quando ha preso improvvisamente fuoco. L’uomo avrebbe riferito che l’auto aveva dato già problemi all’impianto elettrico e non è escluso che possa essere stato un corto circuito la causa scatenante delle fiamme.

Le lingue di fuoco hanno interessato anche una Fiat Punto ed il prospetto di un’abitazione, al civico 7, allerito dall’incendio, che ha anche danneggiato l’impianto elettrico della casa. Sul posto sono accorsi i vigili del fuoco di Campi Salentina, che hanno provveduto a mettere in sicurezza la zona, prima che il rogo potesse arrecare ulteriori danni. Sul posto anche i carabinieri.

In fase di accertamento le cause che hanno portato all’incendio di un’altra Punto, questa volta a Galatina, in via Milano. L’auto, di proprietà di una donna di 71 anni, era parcheggiata all’interno di un cortile, vicino alle altre vetture. Fortunatamente, le fiamme sono state spente prima che potessero attecchire anche sulle latre auto. Su quest’episodio indaga la polizia di Galatina.

Doloso è, invece, l’incendio che ha avvolto una vecchia Fiat Uno di un contadino di Nardò, di 74 anni. L’anziano, qualche giorno fa, aveva denunciato il furto della sua vettura presso la stazione dei carabinieri, ma nella notte la sua vettura è stata ritrovata incendiata, tra le campagne di Boncore.

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

15 − 7 =