Il capitano del Palermo calcio Fabrizio Miccoli è indagato dalla procura palermitana per accesso abusivo a sistema informatico in concorso col titolare di un centro Tim: quest’ultimo gli avrebbe dato quattro schede telefoniche intestate ad altre persone che non sapevano dell’intestazione a loro nome. Lo scrive Repubblica-Palermo. Una di queste schede sarebbe finita a Mauro Lauricella figlio di un mafioso, Antonino, latitante fino al settembre 2011. La Procura di Palermo l’anno scorso aveva aperto un fascicolo di atti relativi sui rapporti tra il capitano del Palermo e il figlio del mafioso.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

17 + tre =