sparat-borgo-s-nicolaColpi d’arma da fuoco contro una palazzina di via Reno, nei pressi del carcere di Borgo San Nicola, a Lecce. Ignoti nella tarda serata di ieri hanno indirizzato e premuto il grilletto dell’arma nei confronti di un complesso residenziale. I colpi sono stati esplosi intorno alle 22 e sono stati sentiti distintamente dai residenti del complesso che, affacciatisi in strada, avrebbero notato un’auto sospetta, allontanarsi a tutta velocità dopo gli spari. Che si trattasse effettivamente di colpi d’arma da fuoco si è scoperto pochi minuti dopo, quando sul portone d’ingresso sono stati individuati due fori. Sul posto, dopo l’allarme, sono accorsi gli agenti di polizia e della squadra mobile, oltre ai colleghi della polizia scientifica, che hanno eseguito i rilievi. Gli investigatori stanno cercando di individuare il destinatario del “messaggio” ed i motivi che hanno spinto alcuni malviventi a premere il grilletto. Le indagini sarebbero indirizzate verso una donna, residente nel complesso, con alle spalle precedenti penali. L’attività investigativa, tuttavia, è appena iniziata. istero in un complesso residenziale nei pressi del carcere: intorno alle 22 si sono uditi distintamente colpi d’arma da fuoco. Sul posto gli agenti della Polizia. Spari intorno alle 22 in via Reno. È mistero sul movente dell’azione intimidatoria messa a segno ieri sera da sconosciuti nei pressi del carcere di Lecce. A essere preso di mira un piccolo condominio con sei appartamenti. I colpi si sono sentiti distintamente: gli inquilini si sono affacciati increduli, ma la presenza delle rientranze causate dai colpi nel portone di ingresso, ha fugato ogni dubbio. Sul posto la polizia che ha interrogato i presenti che hanno riferito di aver visto un’automobile di colore scuro fuggire a tutta velocità. Nessuna motivazione al momento. In quel condominio abita anche una donna pregiudicata che però al momento dell’azione non era in casa.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quattro × 1 =