E’ stato condannato ad un anno di reclusione e 300 euro di multa, per una cosiddetta “truffa dello specchietto”, Gaetano Fiaschè, siciliano d’origine, nomade che fa parte della comunità “Camminanti di Noto”.

I fatti contestati si sarebbero verificati a Sternatia, il 13 settembre del 2010. una la vittima che ha denunciato l’accaduto, ma, nel corso dell’istruttoria dibattimentale del processo, è venuto fuori almeno un altro caso analogo.

Il modus operandi del presunto truffatore, inizialmente accusato di estorsione, sarebbe stato sempre lo stesso: avrebbe rotto lo specchietto della sua auto con l’aiuto di un complice, che non è mai stato identificato, per poi addebitare alla vittima designata il danneggiamento, e chiedergli una cifra forfettaria per riparare la vettura.

Centocinquanta euro la cifra richiesta nel caso arrivato davanti alla seconda sezione penale del Tribunale di Lecce.

 

 

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

2 × 3 =