anonÈ leccese uno dei quattro hacker arrestati dalla Polizia Postale, nel corso di un’operazione coordinata dalla procura di Roma, che sono ritenuti dagli inquirenti il vertice italiano del movimento internazionale denominato ‘Anonymous’.

In manette sono finiti: G.P. di 34 anni di Lecce, L.L. di 20 anni originario della provincia di Bologna, S.L. di 28 anni della provincia di Venezia, e J.R. Di 25 della provincia di Torino. Altre sei persone, invece, sono invece state denunciate a piede libero.

Secondo quanto accertato dagli investigatori, il movimento aveva una struttura ‘anarchica’ ma i quattro referenti italiani ne utilizzavano il marchio quasi “in esclusiva” sul territorio italiano, portando a termine attacchi ai sistemi informatici e a siti istituzionali.

Le perquisizioni degli investigatori della Polizia Postale sono tuttora in corso, oltre che nel Salento, anche a Venezia, Bologna, Roma, Torino, Lecce e Ancona.

Numeroso il materiale già sequestrato, per lo più materiale informatico, sarà ora analizzato dagli esperti. Secondo gli investigatori, i quattro arrestati sfruttavano il marchio ‘Anonymous’ non solo per perseguire le istanze del movimento, ma, in alcuni casi, anche per fini personali.

 

 

Maggiori dettagli nelle prossime ore.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

5 + diciotto =