Si chiama “Sport in cammino” il Progetto ideato dal Coni Puglia, e finanziato dalla Regione, che mira a migliorare lo stile di vita della popolazione in maniera radicale, tale da ridurre i costi della spesa sanitaria nel medio-lungo termine.

Il Progetto si rivolge specificatamente a giovani di età superiore ai 18 anni con patologie croniche (come diabete, ipertensione, malattie cardio-respiratorie e ad alta incidenza invalidante) e ad adulti di età superiore a 65 anni per i quali l’inattività e la sedentarietà potrebbero sfociare in malattie debilitanti, e per i quali un’adeguata attività motoria potrebbe quindi costituire un aiuto fisico, psicologico, riabilitativo e socializzante. L’iniziativa, però, intende coinvolgere anche soggetti sani, di qualsiasi età, che vogliano intraprendere un percorso di prevenzione sanitaria attraverso stili di vita corretti.

“Sport in cammino”, organizzato sul territorio salentino dal Coni Point Lecce, prenderà il via la prima settimana di ottobre, ma la fase organizzativa è stata avviata diversi mesi fa con l’obiettivo di coinvolgere un totale di 4000 partecipanti in tutta la Puglia, che saranno impegnati in 4800 ore di attività di cammino ed altrettante in palestra/piscina nei 100 Centri Sportivi Polivalenti individuati.

In particolare, le strutture che hanno aderito e dato la disponibilità ad ospitare il progetto in provincia di Lecce sono: il Palazzetto dello sport di Alezio, un impianto sportivo a Casarano, il Centro Missionari Comboniani a Cavallino, il Centro Sociale a Castromediano, il Palazzetto dello sport “F. Panico” di Galatina e il Palazzetto di Galatone, la piscina Out Line ed il Campo scuola “Montefusco” di Lecce, il Palazzetto dello sport di Leverano, il Centro sportivo comunale di Maglie, la Cittadella dello sport di Martignano, la Piscina comunale di Melendugno e Calimera, il Parco del Velodromo di Monteroni, la tensostruttura indoor di Novoli, il Centro sportivo comunale di Poggiardo, la piscina comunale di Salve, la palestra dell’Asd Dance School di Surbo, il Parco comunale “Ricchiello” di Taviano, il Centro Polivalente di Tuglie ed il Centro sportivo di Gemini di Ugento.

L’iniziativa prevede che, dopo uno screening sanitario effettuato da un medico dello sport, ciascun utente venga affidato ad un esperto laureato in Scienze Motorie e formato dal CONI attraverso la Scuola Regionale dello Sport, che organizzerà in gruppi omogenei l’attività motoria degli utenti, in palestra o in piscina e attraverso “gruppi di cammino” che seguiranno itinerari predeterminati e funzionali alle rispettive condizioni fisiche, per 2 volte a settimana.

La partecipazione ai corsi è libera (fino ad un massimo di 40 utenti per centro) e prevede un reclutamento dei partecipanti mediante la compilazione di un modulo di iscrizione che può essere scaricato dal sito internet www.conipuglia.it o rivolgendosi ai Servizi Sociali dei Comuni di residenza.