LECCE – Al Bano Carrisi sta meglio ed è costantemente monitorato nella sua stanza al sesto piano dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Le sue condizioni sono in miglioramento e non destano particolari preoccupazioni ai medici che lo stanno curando da stanotte.

Dopo le prime cure prestate nella Stroke Unit, unità specializzata nell’intervento sull’ischemia – si legge nel comunicato dell’Asl Lecce – il paziente nella tarda mattinata è stato sistemato in un’altra stanza, sempre all’interno del reparto di Neurologia. Ha lasciato, dunque, l’unità di terapia intensiva per il reparto ordinario di degenza, indice del decorso positivo del quadro clinico generale.

Qui Al Bano potrà affrontare gli esami e terapie previste per i casi di lieve ischemia cerebrale nel riposo più assoluto, così come prescritto per i prossimi tre giorni dal primario della Neurologia dr. Giorgio Trianni e dal responsabile della Stroke Unit dr. Leonardo Barbarini.

«Il paziente – sottolinea il direttore generale Asl Lecce, Silvana Melli – è sempre stato vigile e collaborante, ha conservato integre le sue funzioni cognitive, compreso il suo ben noto spirito battagliero. Ha scelto di farsi ricoverare al “Fazzi” perché è una struttura presso la quale è già sotto controllo clinico, quindi in un contesto che gli è familiare ed è, peraltro, fornito di tutta la diagnostica necessaria».