Foto repertorio
L’avvocato Stefano Prontera

SAN CATALDO (Lecce) – Due condanne per i trafficanti albanesi arrestati a settembre a largo delle acque di San Cataldo con un carico di oltre 800 chili di marijuana. Il gup Vincenzo Brancato ha condannato in abbreviato a 6 anni e 20 giorni di reclusione Devi Aliay e al pagamento di una multa di 40mila euro (a fronte di una richiesta di 6 anni) e a 2 anni, 8 mesi e 20 giorni con la concessione delle attenuanti generiche Aleksandro Begaj, (4 anni e 6 mesi) entrambi di Valona. Il giudice ha disposto anche l’interdizione in perpetuo dai pubblici uffici per Aliay.

I due trafficanti finirono in manette il 23 settembre scorso con un’operazione condotta dalla Guardia di Finanza di Lecce. I militari salentini raccolsero una segnalazione del Nucleo di Frontiera Marittima della Guardia di Finanza di stanza a Durazzo di un natante sospetto che dirigeva a forte velocita’ verso le coste italiane. I militari intercettarono il gommone a fari spenti a circa 11 miglia al largo della costa salentina.

A bordo i due trafficanti nascondevano un carico di 800 chili di marijuana finito sotto sequestro così come un gommone lungo 8 metri con un motore fuoribordo da 250 cavalli salpato dall’Albania. L’avvocato Stefano Prontera, per conto di Begaj, ha presentato istanza di domiciliari. Aliay, invece, era difeso da Marcello Petrelli.

F.Oli.



CONDIVIDI