LECCE – Avanzare in una nuova dimensione “estetica”, attraverso l’osmosi tra sapere scientifico e linguaggio artistico: è questo l’obiettivo di Kalos Arte & scienza, il progetto della scrittrice Giovanna Politi, strutturato nelle giornate di oggi e domani, che a partire dalle 8,30 e fino alle 13,00, presso la Sala Convegni di Città di Lecce Hospital, avvierà il confronto sul tema: “Arte e Scienza, per una Comunicazione Empatica del Sentire e del Riconoscersi”.

“Kalòs Arte&Scienza” è promosso e coordinato dalla stessa Giovanna Politi, sviluppato in collaborazione con GVM Care & Research e con un comitato artistico-scientifico d’eccellenza, composto da umanisti, artisti e medici, presieduto dallo scienziato Carlo Ventura.
L’obiettivo è quello di promuovere un dialogo empatico tra saperi scientifici e creativi, al fine di divulgare una comunicazione “sinestetica”, attraverso le molteplici espressioni artistiche. Il progetto, ha già cominciato a contaminare diversi contesti socio-culturali e sarà ospitato nelle scuole di ogni ordine e grado, negli ospedali, nelle carceri e nei luoghi dove di norma il dolore e la sofferenza,  rischiano di oscurare la percezione della bellezza.

I Punti cardine di Kalos Arte & Scienza, sono i seguenti: l’umanizzazione della figura medica (medicina narrativa, ricetta artistico/musicale/letteraria, Educazione all’Ascolto Empatico), l’educazione alla bellezza e al sentimento (progetto già itinerante nelle scuole, ideato e promosso dalla scrittrice stessa), la prevenzione alla violenza (Je m’aime) e il recupero del soggetto violento con corsi di pittura, di musica, di scrittura creativa e di teatro.

Richard Feynmann premio Nobel per la Fisica (1965) asserì che: “Una più grande conoscenza porta sempre con sé, un più profondo e meraviglioso sentire misterioso”; Il grande Galileo Galilei, inoltre sosteneva : la nuova scienza nasce pur sempre dal dubbio, che induce la mente ad esplorare concettualità e percorsi diversi.  E’ proprio con tale metodologia di pensiero, che la divulgazione scientifica attuale, conduce verso la condivisione di nuove contaminazioni del sapere.

Occorre quindi utilizzare nuove procedure, secondo il progetto della scrittrice:  l’arte  è ritenuta lo strumento più efficace, per aumentare in noi il desiderio di vivere in armonia. Giovanna Politi, scrittrice, ideatrice e coordinatrice del Progetto Kalos, ha dichiarato: “Tra arte e scienza deve necessariamente esserci una continua osmosi, una comunicazione empatica capace di affinare il pensiero e creare la vera armonia del sapere. L’obiettivo del nostro Progetto è quello di prestare all’Arte e alla Scienza, un unico polmone per un respiro condiviso, in una visione consapevole del non secondario ruolo che la prima possa svolgere, a sostegno della seconda, sul benessere psicofisico dell’essere umano. ll pittore e scultore francese Georges Braque, iniziatore del cubismo insieme a Picasso, affermava: “Se l’Arte deve disturbare e la Scienza deve rassicurare, il movimento tra le due può dare forma a CONTAMINAZIONI INEDITE”.