LECCE – Valentina Piccinonno non si trova più. Si è allontanata nelle scorse ore dalla struttura di Turi (in provincia di Bari) in cui sta scontando i domiciliari. La presunta assassina di Salvatore Maggi è svanita nel nulla a sole 24 ore di distanza dalla condanna a 16 anni di reclusione incassata in primo grado. E ora è ricercata dalle forze dell’ordine.

Le indagini sono state estese sull’intero territorio regionale in particolare nella zona di Lecce dove, probabilmente, la Piccinonno ha deciso di fare rientro.

Gli agenti della squadra mobile del capoluogo salentino hanno raccolto la segnalazione e ora sono sulle tracce della 34enne. Non è la prima volta che la Piccinonno decide di far perdere le proprie tracce.

Lo aveva fatto già in passato ma si era poi costituita spontaneamente o era stata ritrovata in casa di parenti. Proprio come potrebbe essere accaduto in questa circostanza.

La 34enne leccese potrebbe aver maturato la decisione di allontanarsi dalla struttura dopo la condanna in primo grado per l’omicidio dell’ex gestore di una sala giochi a Monteroni.

Una donna dalla personalità forte, decisa e tenace che, in passato, suo malgrado è stata coinvolta in altri fatti di cronaca come avvenuto anni fa a Monteroni per il rapimento di un bambino da un parco.