Federico Petracca e Mirko Grigis impegnati in una fase di gara al 4° Camunia Rally (foto di Daniele Talamona)

CASARANO (Lecce) – Se alla vigilia lo scopo era quello di riuscire semplicemente a tagliare il traguardo per sfatare il tabù che lo aveva visto, nonostante le ottime prestazioni, sempre tra i ritirati negli ultimi suoi impegni, al 4° Camunia Rally disputato lo scorso fine settimana in provincia di Brescia, quarta prova del campionato regionale AciSport di Lombardia e Liguria, Federico Petracca è andato ben al di là delle più rosee aspettative, centrando un meritato successo di classe A7 con la Renault Clio Williams preparata dalla Motul Tech.

Grazie a una bellissima gara condotta con forza sino alla fine e dopo una battaglia d’altri tempi sul filo dei secondi col rivale Grizzi, l’alfiere portacolori della Scuderia Automobilistica Casarano Rally Team è riuscito a portare a termine il combattuto rally bresciano nel migliore dei modi, vincendo 7 prove speciali su 10, recuperando oltre 22 secondi nella seconda parte di gara, 15 negli ultimi tre tratti cronometrati.

In una corsa infarcita di numerose top car e di ottimi piloti, Petracca, navigato per la seconda volta dal bergamasco Mirko Grigis, ha dovuto tenere ritmi serrati per poter competere con gli agguerriti equipaggi. Preso il comando della classe sin dal via, il trentenne driver casaranese ha mostrato subito determinazione trovandosi a proprio agio con la Clio Williams a sette marce sulla quale saliva per la prima volta e mantenendo, malgrado l’errata scelta di gomme nel primo giro sulle prove della domenica, il primato di A7 fino alla ps5, Valsaviore, la più lunga e la più insidiosa dove cadeva in errore nell’affrontare gli impegnativi tornanti, intraversandosi e perdendo molti secondi, uscendo dalla prova con il 50° tempo assoluto.

Petracca e Grigis non si sono però persi d’animo, attuando un portentoso recupero nelle successive speciali, abbassando sempre i tempi e riducendo a 9”5 il distacco da Grizzi prima di subire il ritorno di quest’ultimo che sulla ripetizione di Valsaviore portava il suo vantaggio a 14”9. Il verdetto a due prove speciali dal termine era ancora da scrivere con il pronostico che lasciava ormai poche speranze a Petracca, ma il pilota Casarano Rally Team ha estratto dal cilindro due prestazioni formidabili. La dodicesima e tredicesima posizione assoluta negli ultimi due crono gli ha permesso di recuperare tutto il ritardo, sbaragliando definitivamente la concorrenza e cogliendo per soli 2”6 un meritato successo, risultando alla fine 24° assoluto e sesto di gruppo A.

Siamo felici per il risultato che ci ripaga degli amari ritiri subiti” dice sorridendo un soddisfatto Federico Petracca. “È stata una gara divertente ed emozionante, con avversari molto bravi e questo ci gratifica di più e ci dà molta energia positiva. Non abbiamo mai abbassato la guardia anche se non è stato facile soprattutto dopo aver pasticciato un po’ sulla ps 5 perdendo molto tempo. Abbiamo trovato un buon feeling con la macchina, ed al di là del risultato gratificante vi è la più ampia soddisfazione anche per aver acquisito un bagaglio tecnico di esperienza estremamente importante in chiave futura”.