PORTO CESAREO (Lecce) – La Capitaneria di Porto di Gallipoli ha aumentato i propri servizi di vigilanza sia via terra che via mare finalizzati alla tutela del territorio e della sicurezza balneare intesa nell’accezione più ampia del termine.

I militari della Guardia Costiera nella mattinata odierna hanno controllato, insieme al personale dell’Asl di Lecce Nord, uno stabilimento balneare situato sul litorale di Porto Cesareo, riscontrando il mancato rispetto dell’ordinanza di sicurezza balneare nella parte in cui è previsto che nei lidi siano presenti determinati presidi medici utili per un primo intervento in caso di incidente. Al titolare dello stabilimento balneare è stato elevato un verbale amministrativo dell’importo di poco più di mille euro.

Inoltre, sono state accertate delle anomalie nella quantità e nella tipologia di medicinali presenti nella cassetta di pronto soccorso, oltre al mancato rispetto della quantità di ossigeno di pronto impiego per eventuali anossie.

Nell’arco orario di maggior traffico diportistico, i militari imbarcati a bordo delle motovedette del Corpo hanno focalizzato l’attenzione affinché fosse rispettato il limite di estensione  delle acque riservate alla balneazione e quindi interdette alla navigazione, riscontrando sette imbarcazioni in transito nelle aree vietate e per questo sono state comminate sanzioni amministrative per un totale di 1.200 euro.

CONDIVIDI