Film di fantascienza, azione, diretto Matt Reeves, in uscita il 13 luglio, chiude il ciclo della trilogia del reboot del film originale “Il pianeta delle scimmie” del 1968,  diretto da Franklin Schaffner e interpretato Charlton Heston.

Nel primo film di questa trilogia “L’alba del pianeta delle scimmie” del 2011, la storia comincia con Cesare, una scimmia educata ed ammaestrata con notevoli capacità cognitive e elevato quoziente intellettivo che vive in famiglia con lo scienziato Will Rodman, sperimentatore di un farmaco contro il morbo di Alzheimer. Un giorno Cesare viene imprigionato e allontanato dalla sua famiglia solo per aver difeso il padre di Will in una accesa discussione con il vicino di casa. Nel secondo film “Apes Revolution” del 2014 l’intelligenza delle scimmie mette in difficoltà gli umani e porterà alla guerra per il potere. In “the War il pianeta delle scimmie” Cesare ormai da tempo carismatico leader dei suoi simili, pur essendo di indole buona e pacifica, non dimentica le morti causate dagli uomini e quindi decide di proteggere la sua specie, combattendo e vendicando i suoi compagni.  Sarà la guerra per la libertà, la famiglia, il pianeta e ci sarà un epico scontro finale tra Cesare e il leader degli umani il pluridecorato colonnello, un uomo psicopatico e crudele, terrorizzato dal potere delle scimmie.  Nel film compaiono molte scimmie che di fatto sono i veri protagonisti a cui gli umani fanno da spalla, in un mondo che di umano oramai ha ben poco. Ci sono personaggi interessanti e nuovi come la piccola Nova, una bimba resa muta da una malattia sconosciuta, che si aggrega all’esercito delle scimmie, e la scimmia Bad Ape che riveste un ruolo comico ma anche commovente. Cesare è interpretato dal magistrale Andy Serkis, il colonnello è Woody Harrelson abile interprete di personaggi sopra le righe, Amiah Miller è la piccola Nova, mentre Steve Zahn riesce ad integrare la sua vena comica nel personaggio di Bad Ape, rendendo il film più leggero e a tratti divertente. La colonna sonora è firmata da Michael Giacchino. Il film promette puro spettacolo per la storia, gli interpreti, gli effetti speciali, le musiche, infine ma non ultimo il messaggio trasmesso.

Francesco Stomeo



CONDIVIDI