LECCE – Il caldo record ha già cominciato a fare i primi danni. Il prefetto, Claudio Palomba, ha riunito dirigenti comunali e forze dell’ordine per una strategia di difesa capace di prevenire danni al paesaggio. Si parte con la chiusura di zone sensibili: tutti quei posti dove la superficialità e una cicca di sigaretta sarebbero fatali. Poi, bisognerà intervenire sui privati per aratura e manutenzione dei fondi. Le buone prassi agricole, che sono importanti anche nell’ambito della prevenzione incendi, saranno fondamentali. Alle forze dell’ordine è stato chiesto il massimo impegno nel monitorare la situazione. Non saranno tollerate disattenzioni e superficialità da parte di privati e comuni.