MELENDUGNO (Lecce) – Altri sporcaccioni nella rete delle “videotrappole”. Continuano a mietere “vittime” le telecamere nascoste nei dintorni di Melendugno, per contrastare l’incivile fenomeno dell’abbandono dei rifiuti ingombranti lungo le strade della cittadina e delle sue affollate marine.

Nelle scorse ore, infatti, gli agenti della Polizia Municipale di Melendugno diretti dal capitano Antonio Nahi hanno identificato e sanzionato altri automobilisti, pizzicati dalle telecamere a gettare nelle campagne ed ai bordi delle strade rifiuti di ogni tipo.

Per tutti i responsabili sono scattate le denunce e le sanzioni amministrative. A darne notizia è lo stesso capitano Nahi, sulla sua pagina Facebook “Il comandante risponde”.

Ad oggi, in appena un mese e mezzo, sono circa una cinquantina gli automobilisti incastrati dalle “videotrappole”.

CONDIVIDI