NARDO’ (Lecce) – Il Comune di Nardò è il primo del centrosud (e uno dei primi a livello nazionale) a subentrare nell’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR), la banca dati nazionale nella quale confluiranno progressivamente tutte le anagrafi comunali, istituita dal Ministero dell’Interno con il Codice dell’Amministrazione Digitale del 2005. ANPR è una banca dati, ma è anche un sistema integrato che consente ai Comuni di svolgere i servizi anagrafici e di consultare o estrarre dati, monitorare le attività, effettuare statistiche.

L’Anagrafe consentirà di evitare duplicazioni di comunicazione con le pubbliche amministrazioni, garantire maggiore certezza e qualità al dato anagrafico, semplificare le operazioni di cambio di residenza, emigrazioni, immigrazioni, censimenti e molto altro ancora. Per arrivare a questo importante risultato, gli uffici del settore Servizi Demografici del Comune di Nardò hanno affrontato e risolto una serie di problematiche sul database anagrafico, sul software e in generale sul sistema informatico comunale.

Il Comune di Nardò, che si era candidato alla prima fase sperimentale, formalizzerà il subentro domani, martedì 11 luglio, con una cerimonia alla quale prenderà parte una delegazione del Ministero dell’Interno, guidata dal prefetto Paolo D’Attilio, Direttore centrale dei Servizi Demografici presso il Dipartimento degli Affari interni e territoriali, e dal viceprefetto aggiunto Antonio Natali, consulente per la legislazione dello stesso Dipartimento.

Alla cerimonia parteciperanno anche il prefetto di Lecce Claudio Palomba, il sindaco di Nardò Pippi Mellone e il Dirigente dell’Area Funzionale 4 Maria Josè Castrignanò.

 

 

CONDIVIDI