SURBO (Lecce) – Positivo ai cannabinoidi alla guida della propria Mercedes. E’ il primo responso nell’inchiesta sul tragico incidente in cui ha perso la vita ieri mattina la giovane Carlotta Angelica Martella, morta in un tragico incidente sulla Trepuzzi-Surbo. Una prima informativa è stata depositata in mattinata in Procura. Il fascicolo d’indagine è coordinato dal sostituto procuratore Carmen Ruggiero. L’ipoteso di reato che si configura è quella di omicidio stradale aggravato. Ovviamente verranno disposti ulteriori accertamenti per appurare con esattezza quando sarebbe stato assunto lo stupefacente. A breve, poi, verrà disposta una consulenza per stabilire la dinamica dell’incidente e la velocità del mezzo.

I due giovani erano diretti ad un matrimonio quando per cause in corso d’accertamento A.M. ha perso il controllo della propria auto all’altezza di una cava. Il mezzo è finito con violenza sulla recinzione di un’abitazione. L’auto si è rovesciata sul fianco destro dove era seduta la vittima per poi rientrare sulla carreggiata. La giovane è deceduta sul colpo mentre il fidanzato è rimasto miracolosamente illeso. Sul posto i rilievi sono stati eseguiti dagli agenti della sezione infortunistica della polizia municipale guidati dal capitano Mario Palumbo.

Subitro dopo la salma della giovane non ancora 20enne è stata trasportata presso la camera mortuaria del “Vito Fazzi”. In giornata è stato concesso il nulla osta per la riconsegna della salma ai familiari e consentire così lo svolgimento dei funerali presso la chiesa “Santa Lucia” di Surbo. Un’intera comunità, come prevedibile, si è stretta attorno ai genitori, al fratello e alla sorella della giovane.

F.Oli.