“Apprendiamo che nelle prossime ore 10 navi giungeranno nei porti italiani, fra cui Bari e Brindisi, con a bordo oltre 7.300 migranti salvati negli ultimi giorni al largo della Libia. A fronte di ciò, non si conosce quale sia il piano di gestione del flusso e quali misure il Governi nazionale ha previsto per fronteggiare le conseguenti problematiche di natura sociale, sanitaria, di sicurezza e ordine pubblico.” Lo dichiara il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Erio Congedo.

“Dal 2014 sono 590.000 gli arrivi di migranti in Italia, 85.000 solo nei primi 6 mesi del 2017. Un bollettino drammatico che non risparmia la Puglia, conseguenza della scellerata politica sull’immigrazione del Governo nazionale e dell’Unione Europea. Non è ovviamente in discussione il dovere di solidarietà e di accoglienza, né il principio di cooperazione e di aiuto umanitario, ma è fuori discussione che un flusso migratorio di questa portata ha una ricaduta sui territori coinvolti e quindi anche sulla nostra Regione, che si appresta ad accogliere un numero imprecisato di disperati (si presume qualche migliaio) nei porti di Bari e Brindisi.

Per questo rinnoviamo l’invito al presidente Emiliano ad avviare ogni possibile e utile iniziativa perché vengano garantite dal Governo nazionale misure adeguate all’urgenza, alla complessità e alla gravità del fenomeno che sta interessando pesantemente il territorio pugliese.
Attendiamo, inoltre, che della questione il Governo regionale voglia relazione al Consiglio e ai pugliesi”.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.