“I porti pugliesi sono strategici per l’Unione Europea e oggi il Governo nazionale e la Regione Puglia hanno solo un dovere: rafforzare la nostra portualità, individuando una Zona Economica Speciale unica che consideri i sei porti delle Autorità di Sistema del Mare Adriatico Meridionale e del Mar Ionio. Le lotte di campanile non servono. Occorre fare scelte strategiche che ci consentiranno di intercettare i traffici internazionali”.

Lo dichiara l’on Luigi Vitali, coordinatore regionale di Forza Italia, in merito al dibattito che in questi giorni si sta sviluppando sulla possibilità di individuare le Zone Economiche Speciali in Puglia a seguito delle Disposizioni urgenti per la crescita economica nel Mezzogiorno.

“Poiché vi sono elementi sostanziali a supporto di tale tesi,– continua Luigi Vitali – è ragionevole sostenere la posizione di considerare la Puglia come unico sistema. Per questo tocca alla Regione Puglia difendere tale peculiarità, evitando scelte di campanile, e tocca al Governo nazionale prendere una decisione che, evidentemente, ha dei costi sul bilancio dello Stato. Proprio  qualche settimana fa, abbiamo presentato le nostre attività sul tema dei trasporti a livello regionale. A livello europeo lavoriamo per una sostanziale modifica dei corridoi della rete Ten-T a favore del sistema pugliese. La presenza -conclude Vitali- del Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani a Brindisi è stata significativa e faremo in modo di operare affinché si arrivi ai risultati auspicati”.

CONDIVIDI