Dallo 0-2 per i giallorossi al 3 – 2 per i padroni di casa. Una sconfitta che brucia per i salentini che si fanno raggiungere e superare a dieci minuti dalla fine, dopo un dominio pressoché totale per 80 minuti. A Pordenone il Lecce sembra far sua la posta con una doppietta di Di Piazza all’inizio delle due frazioni di gioco. Al 34° del secondo tempo la svolta: Gerardi di tacco libera Raffini che infila sotto l’incrocio. Poi un rigore trasformato da Burrai e allo scadere gol della vittoria di Parodi di testa.

Una beffa per i giallorossi che possono recriminare per moltissime occasioni ed episodi dubbi. Rigore clamoroso su Di Matteo sullo 0-2 , primo gol del Pordenone in fuorigioco, palo di Caturano , gol regolare annullato a Caturano , rigore per i padroni di casa molto dubbio.

PORDENONE: Perilli,Formiconi, Stefani, Parodi, De Agostini, Misuraca, Burrai, Lulli (31 st Raffini), Buratto (9 st Pietrabiasi), Ciurria, Gerardi. A disposizione: Meneghetti, Boniotti, Pellegrini, Silvestro, Facchinutti. Allenatore: Colucci

LECCE: Perucchini, Ciancio, Cosenza, Marino, Di Matteo (29 st Drudi), Lepore, Arrigoni (45 st Tsonev), Mancosu, Di Piazza (21 st Megelaitis), Caturano, Torromino. A disposizione: Vicino, Chironi, Riccardi, Valeri, Monaco, Gambardella. Allenatore: Rizzo

Marcatori: 6 pt e 2 st Di Piazza, 33 st Raffini, 36 st Burrai su rig, 45 st Parodi

Ammoniti: 29 pt Perucchini, 20 st Di Piazza

Arbitro:  Daniele Chiffi di Padova; Assistenti: Marco Scatragli di arezzo e Niccolò Pagliardini di Arezzo; IV Uomo: Andrea Giuseppe Zanonato di Vicenza