ZOLLINO (Lecce) – Spazio al jazz, all’improvvisazione creativa e al ritmo ipnotico delle percussioni nella settima tappa del festival itinerante de La Notte della Taranta che sabato 12 agosto arriva a Zollino dove alle 22.30, nella villa comunale, si esibiranno Triace e i Tamburellisti di Torrepaduli.

Ad aprire le danze sarà il gruppo Triace che per l’occasione incontra i Vudz per un live carico di energia e carisma. Il sound di Triace, infatti, è un viaggio che attraversa la sperimentazione creativa, partendo dai canti della tradizione salentina che vengono presentati al pubblico con energiche fusioni sonore: il linguaggio della cultura popolare lascia ampio spazio al jazz, all’improvvisazione, alle percussioni incisive e calde che portano il progetto a caricarsi di atmosfere ipnotiche pronte quasi a spezzare il rapporto melodico con la tradizione con cui poi si ricongiungono.

Subito dopo a salire sul palco saranno i Tamburellisti di Torrepaduli, storico gruppo della tradizione etnomusicale salentina, che spesso scrive nuove melodie e testi poetici, reinventando musiche, testi e danze, lasciando però alla tradizione il ruolo di regina.

I Tamburellisti di Torrepaduli, infatti, sono nati dall’incontro, nel 1989, tra l’etnomusicologo e ora leader del gruppo Pierpaolo De Giorgi e il depositario della tradizione Amedeo De Rosa. I due, con un gruppo di giovani danzatori e percussionisti tra i quali Rocco Luca e Salvatore Crudo, diedero vita alla formazione che inizialmente si chiamava Pierpaolo De Giorgi e i Tamburellisti di Torrepaduli.

CONDIVIDI