Foto Michel Caputo

In merito alle dichiarazioni del Questore di Lecce, il Dott. Leopoldo Laricchia, interviene il deputato pugliese Diego De Lorenzis, componente del M5S in Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazione alla Camera.

 

“Il questore si sbaglia perché noi rispettiamo profondamente le istituzioni e condanniamo la violenza sempre” – dichiara il deputato del M5S – “Proprio per questo riteniamo sbagliato l’uso della forza e il tentativo di criminalizzare chi difende il territorio e la Democrazia. Il gasdotto TAP è la manifestazione di Governi autoritari mai legittimati che impongono con la forza progetti inutili e dannosi per l’intero Paese.

Il questore evidentemente ignora la le inchieste sulla corruzione legate all’opera, la mancanza di discussione nel merito, la demolizione di autorevoli fonti dei presunti vantaggi dell’opera, le bugie del Ministro Franceschini, De Vincenti e del sottosegretario Bellanova e dei loro colleghi in Parlamento, quelle del presidente Emiliano sulla “decarbonizzazione” o i decreti a favore della multinazionale, le manine che di notte inseriscono nelle leggi i progetti per le lobby petrolifere e gli intrecci tra politica e multinazionali”.

 

“Per questo rifiutiamo” – aggiunge Diego De Lorenzis – “convintamente ogni tentativo di accostare i cittadini che si battono contro la realizzazione del gasdotto ai criminali, che invece siedono in parlamento”

“Anche chi si oppone al TAP rappresenta le istituzioni: deputati, senatori, consiglieri regionali, sindaci. Anche noi siamo lo Stato e non ci siamo mai permessi di attaccare altre istituzioni. Ribadiamo che tale progetto è il frutto di relazioni con Stati esteri dittatoriali e che porterà benefici solo alle multinazionali. I cittadini non lo vogliono, noi siamo stati eletti per seguire la volontà popolare e saremo sempre a fianco di chi manifesta pacificamente esercitando i diritti costituzionalmente garantiti.” – conclude Diego De Lorenzis del M5S