PUGLIA – Il termine fissato al 31 ottobre 2017 per la presentazione delle domande necessarie per l’ammissione alla misura “Buoni servizio per l’accesso ai servizi a ciclo diurno e domiciliare per anziani e per persone con disabilità” rischia di penalizzare i numerosi cittadini e le tante famiglie che avrebbero diritto ad accedere al Buono Servizio e che purtroppo sono costrette a lottare contro il tempo per superare le tante difficoltà incontrate nel recupero della documentazione necessaria alla valutazione. Comunicano in una nota congiunta Ernesto Abaterusso, Presidente Gruppo consiliare Articolo 1 – MDP della Regione Puglia, e Pino Romano, Presidente III Commissione Sanità.

Sono settimane, infatti, che riceviamo segnalazioni e lamentele da parte della platea di utenza interessata. E quello che più ci preoccupa è che, ad una settimana dalla scadenza del termine ultimo per la presentazione delle domande, ci siano Commissioni mediche incapaci di ottemperare alle numerose richieste e un ponte lungo, quello del 1 novembre, che aggraverà ancor più la situazione.

In questo stato di cose sembra chiaro che, con l’approssimarsi della scadenza, sia sempre più probabile che si vada verso un ingorgo del sistema e delle procedure. Si rende pertanto necessaria un’iniziativa forte e immediata che consenta ai cittadini richiedenti di avere più tempo a disposizione.

Per questo chiediamo al Presidente/Assessore Emiliano di voler prorogare i termini ultimi per la presentazione delle domande al 30 novembre 2017. Sarebbe un atto di vicinanza, reale e di non facciata, verso i cittadini pugliesi.

CONDIVIDI